I distillati: RUM

Creato il
Post_36

 
In questo articolo parleremo brevemente dell’origine e di alcune curiosità riguardanti un distillato molto famoso: il rum.
Il rum è l’acquaviteottenuta dalla distillazione della melassa della canna da zucchero o del suo succo.

Origini
I precursori del rum risalgono all’antichità. Si pensa che lo sviluppo delle bevande fermentate prodotte da succo di canna da zucchero ebbe inizionell’antica India o in Cina e si sia successivamente diffuso.
Una delle prime bevande di questo tipo è il “brum”. Risalente a migliaia di anni fa, il brum fu prodotto dai malesi e viene citato anche in un documento del XIV secolo dove Marco Polo parla di un “ottimo vino di zucchero” che gli venne offerto nell’attuale Iran.
La prima distillazione di rum avvenne a Londra con le canne da zucchero indiane intorno al XV secolo, ma successivamente, dopo il XV secolo, si iniziarono a utilizzare le canne da zucchero provenienti dalle Americhe.
Nelle Americhe, invece, la prima distillazione di rum ebbe luogo nelle piantagioni di canna da zucchero dei Caraibi nel XVII secolo. Gli schiavi delle piantagioni scoprirono per primi che le melasse, un sotto-prodotto del processo di raffinazione dello zucchero, fermentavano in alcool.
Successivamente vennero prodotti i primi veri rum graziealla distillazione di questi sottoprodotti alcolici che concentrò l’alcool e rimosse le impurità. La tradizione narra che il rum ebbe origine dapprima sull’Isola di Barbados. Al di là della sua origine, i primi rum caraibici non erano di grande qualità. Un documento del 1651 dalle Barbados affermava che “Il maggiore intossicante prodotto sull’isola è il Rumbullion, detto anche Kill-Devil (ammazza-diavolo), ottenuto da canne da zucchero distillate, un bollente, infernale, e terribile liquore.”

Dal “Sottomarino Giallo” potrete gustare e sorseggiare diversi tipi di rum, prodotti da diverse parti del mondo:
Malecon
Havana anejo
Matusalem extra anejo (Cuba)
Pampero anniversario (Venezuela)
Ron del barillito (Porto Rico)
Matusalem (15 anni – Cuba)
Zacapa centenario (23 anni – Guatemala)

Passate a trovarci… vi aspettiamo!

Tagliata di manzo

Creato il
Post_34

 
Per preparare la tagliata bisogna tagliare la carne in modo particolare, ossia a listarelle e spessa almeno 4-5 centimetri, e utilizzare un preciso metodo di cottura (brace, griglia o piastra), con la carne che deve arrostire non più di 5-6 minuti per lato.

Preparazione
Prima di iniziare la cottura assicuratevi che il pezzo di carne (controfiletto o entrecote) non sia troppo freddo, ma a temperatura ambiente e, quindi, bisognerebbe toglierlo dal frigo almeno un’oretta prima.

Dopo aver messo un po’ di sale grosso in pentola, adagiatevi la carne e lasciatela cuocere per circa 5 minuti per lato. Per quanto riguarda il tempo di cottura avete abbastanza libertà: regolatevi in base allo spessore della carne e al grado di cottura che preferite. Il risultato migliore è quando l’interno della carne diventa rosato, ma non troppo cotta e asciutta.
Quando girate la carne state molto attenti a non pungerla per evitare di far fuoriuscire i suoi liquidi.

Una volta tolta dal fuoco e aspettato qualche istante, iniziate a tagliare la carne con taglio obliquo, cercando di fare fettine da un paio di centimetri di spessore.
Nel servire la carne potete scegliere il condimento che preferite: sale, pepe e olio nella misura che più vi aggrada.

Consiglio
Se volete ottenere una tagliata ancora più gustosa, potreste aggiungere dell’olio extravergine di oliva dopo averlo fatto scaldare in un pentolino con dell’aglio, del rosmarino e un po’ di pepe. Dopo qualche minuto e dopo aver tolto le spezie, versatelo sulle fettine in modo da insaporirle ulteriormente.

Inoltre, potete adagiare le fettine di carne su un letto di rucola e contornare con pomodorini tagliati in quarti e scaglie di grana.

Da sottomarino giallo potrete assaporare una buonissima tagliata di manzo e tanti altri piatti gustosi… passa a trovarci!

Bresaola della Valtellina con rucola e grana

Creato il
Post_33

 
Si avvicina l’estate e il caldo e la voglia di cucinare sempre coi fornelli accesi diminuisce sempre di più. Quello di cui c’è bisogno è una ricetta fredda, ma al contempo che sia gustosa e appetitevole: la bresaola con rucola e grana è quello che fa per noi e qui di seguito impareremo come farla.
 
Ingredienti per 4 persone:
– 200 g di bresaola tagliata sottile
– 60 g di rucola
– 10-12 pomodorini pachino
– 1/2 limone (solo il succo)
– 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
– Un pizzico di sale
– Parmigiano reggiano a scaglie qb
– Facoltativo: 10 mozzarelline
 
Procedimento (preparazione: 10 min.)
Sistemate le fette di bresaola sul piatto lasciando che si sovrappongano leggermente. Sbattete con una forchetta 3 cucchiai di olio, sale e limone in una. Distribuitela quindi sopra la bresaola. Dopo aver lavato e asciugato la rucola, disponetela al centro di ogni piatto, spezzettandola se preferite.
Lavate e tagliate i pomodorini, posizionandoli ai lati delle fette di bresaola. Aggiungete, se volete, anche le mozzarelline. Per finire, completate il tutto con le scaglie di parmigiano e con un filo d’olio. Il vostro piatto è pronto per essere servito.
 
La bresaola della Valtellina del Sottomarino Giallo
Qua al sottomarino giallo, oltre ad altre numerose specialità, potrete gustare la bresaola della Valtellina con rucola e grana. Dal 1996 la vera Bresaola della Valtellina è garantita dal marchio comunitario di Indicazione Geografica Protetta, utilizzato esclusivamente dai produttori certificati della Provincia di Sondrio, che si attengono al rigoroso Disciplinare di Produzione. Il Consorzio di tutela Bresaola della Valtellina, garantisce la provenienza di questo raffinato prodotto, ne promuove l’immagine e la salvaguardia da imitazioni e contraffazioni.
 
Tutto questo perchè qui al Sottomarino Giallo vogliamo offrirvi solo il meglio e i prodotti migliori!
 
Venite a trovarci… vi aspettiamo!!

Giornata della Terra

Creato il
Post_32

 
Il 22 aprile le Nazioni Unite celebrano l’Earth Day (Giornata internazionale della terra), esattamente un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, per sottolineare la necessità di preservare il pianeta Terra e le sue risorse. Inizialmente, La Giornata Internazionale della Terra, è nata come solo movimento universitario che poi si è esteso a tutte le associazioni, coinvolgendo anche le scuole, così da essere considerato un momento educativo ed informativo.
 
L’Earth Day è la più grande manifestazione internazionale ambientale del pianeta, coinvolgendo fino a 1 miliardo di persone e 192 paesi nel mondo.
 
Inoltre, noi di Sottomarno giallo siamo affiliati con Spiiky! Scoprite tutte le offerte che abbiamo riservato per voi.

Maccheroni

Creato il
Post_31

 
Uno dei nostri piatti speciali sono i Maccheroni con goletta e formaggio di fossa! Due ingredienti speciali… ne volete sapere di più?
 
Formaggio di fossa
Si tratta di un formaggio grasso stagionato, può essere di latte puro di pecora (in questo caso lo si può chiamare pecorino di fossa) oppure misto (con latte vaccino e di pecora).
Il particolare aroma del formaggio di fossa è dovuto alla rifermentazione. Questa fase dura tre mesi, si tratta della stagionatura del formaggio che avviene in tipiche fosse di forma ovale (da qui il nome “formaggio di fossa”).
È prodotto soprattutto in Romagna, il suo sapore è talmente originale che di solito è servito da solo o in abbinamento con miele o marmellate.
 
Goletta
La goletta è un salume, uno dei più semplici da produrre, ottenuta da carne di suini italiani. In alcune parti di Italia la chiamano anche guanciale. Essa richiede pochi profumi, di solito la si prepara solo con il pepe e pochi giorni di stagionatura (dai 45 ai 60). La goletta (o guanciale) è uno dei salumi italiani più classici, dal sapore inconfondibile e molto gustoso.
 
Venite a provare i nostri fantastici maccheroni! Vi aspettiamo!
 
Inoltre, per chi non lo sapesse noi di Sottomarino Giallo collaboriamo con Spiiky, scoprite tutte le nostre fantastiche offerte.