Tradizione romagnola

Creato il
Post_42

Presso il ristorante il Sottomarino Giallo potrai ritrovare la vera storia della cucina romagnola. Un locale che salvaguarda la tradizione delle nostre terre e che fa dell’ospitalità e della genuinità i propri marchi distintivi. La famiglia del Sottomarino Giallo come vera metafora della cucina romagnola in tutte le sue figure principali!

L’Azdora che reggeva in piedi le faccende di casa, apprendendo dalla suocera o dalla madre le reali tecniche culinarie (non solo) della tradizione. Una vita dedicata alle faccende non solo in casa, ma anche nelle campagne agricole dimostrando un carattere forte e gestendo il nucleo familiare. Dedita al lavoro le erano concesse rare visite alla famiglia d’origine, poichè costretta la maggior parte delle volte a vivere in casa del Capofamiglia. Una società patriarcale, dunque, che vedeva questa figura come guida principale di tutte le attività produttive (agricole soprattutto). Le campagne, infatti, venivano viste come vera e propria ricchezza poichè in grado di fornire direttamente materie prime con cui sfamarsi. Così come il vino. Le bottiglie di vino non mancavano mai in tavola e se ne rimaneva un po’ nei bicchieri, si rovesciava a terra in omaggio alla casa come insegnato da riti pagani.

Ecco la nostra famiglia del Sottomarino Giallo: Monica, sfoglina che tira la pasta fresca a mano rimembrando tutte le antiche ricette della tradizione e Sandro, il nostro sommelier e fidato consigliere di vini. Una famiglia in grado di farti sentire a casa ogni qualvolta le si fa visita!